Collo, naso, labbra… Perché queste zone sono più sensibili al freddo?

Sono tante le aggressioni esterne che mettono a dura prova la tua pelle: inquinamento, vento, raggi UV... Questo è tanto più vero con il freddo invernale che attacca ogni parte del tuo viso. La disidratazione e la sensazione di oppressione sono sintomi comuni ma generali. Per aiutare e proteggere efficacemente la tua pelle, è importante tenere conto delle caratteristiche specifiche di ogni parte del viso. Infatti, la struttura della pelle del collo, il contorno dell'occhio, la fronte, i bordi del naso o delle labbra non è la stessa. Il nostro articolo ti aiuterà a capire meglio le reazioni di alcune parti del tuo viso al freddo e, quindi, ad adottare la giusta routine di bellezza.

La pelle ha una struttura unica

La pelle è caratterizzata dall'essere più o meno spessa a seconda della parte del corpo. Pertanto, lo spessore della pelle è di circa 0,5 mm sul corpo. Più la pelle è spessa, più è resistente. Ecco perché le parti più soggette a parts aggressioni e i microtraumi, come i palmi delle mani e le piante dei piedi, hanno uno spessore di circa 1 mm o più a seconda dell'età e del sesso. Sul viso, invece, la pelle ha uno spessore di soli 0,12 mm. EÈ 4 volte più sottile sulle labbra e intorno agli occhi e può arrivare fino a 0,1 mm sulle palpebre. Comprendi quindi meglio l'importanza di fornire cure adeguate ad ogni parte del tuo viso.

Le reazioni delle parti principali del viso al freddo

Il collo, una parte troppo spesso dimenticata

Il collo è una parte troppo spesso trascurata quando si applicano creme idratanti, protezioni solari e altri prodotti per la cura della pelle. Insieme alle labbra e agli occhi, il collo è comunque una parte attraente ma anche la più vista ed esposta. Tra gli artisti del Rinascimento, il collo di una donna è la rappresentazione stessa della finezza, della delicatezza e della gentilezza. Gmantenere un collo giovane e sodo fa spesso parte delle nostre preoccupazioni estetiche.
Sfortunatamente, questa parte del corpo è particolarmente soggetta all'invecchiamento. Con l'età, il il collagene e l'elastina, responsabili dello spessore, dell'elasticità e dell'elasticità della pelle, diminuiscono. Il loro declino ha un effetto più intenso sul collo, rendendolo più vulnerabile a rughe, cedimenti, punti neri o iperpigmentazione. Ovviamente ognuno invecchia in modo diverso. Alcune persone sviluppano rughe e vedono comparire macchie sul viso, sul collo e sul petto. In altri, il collo può diventare un'area di accumulo di Grasso.

L'invecchiamento del collo è causato dal collasso dei tessuti connettivi e dalla rottura della fascia che ne separa i muscoli verticali: il platisma. Quando si contrae, questo muscolo permette il viso di avere le espressioni facciali, per aprire e chiudere la bocca, per cipiglio ... Si inizia alla base del tronco, sale verso la parte anteriore del collo e termina sul fondo del viso, nella parte inferiore del mento.
Questa è una delle zone più erogene sulla superficie della nostra pelle, che si attiva al minimo tocco. Sia le cause esterne che quelle interne possono accelerare l'invecchiamento del collo. Alcune tecniche e suggerimenti sono utili per limitare il cedimento e l'invecchiamento del collo senza trattamento chirurgico
.

sappi che l'esposizione al sole danneggia la pelle del collo e le dà ancora più rughe. Quindi ricorda di usare la protezione solare, e non solo in estate. Inoltre, scegli una crema o un siero idratante da applicare su tutto il collo, soprattutto di notte per una migliore penetrazione dei principi attivi. Nostro Siero ridensificante ben invecchiante, ad esempio, è un siero restitutivo antietà che agisce contro l'invecchiamento cellulare, ammorbidisce, rassoda e idrata viso e collo.
Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, nessun esercizio fisico del collo lo farà ringiovanire. Alcuni esercizi possono persino allungare ulteriormente la pelle e favorire il rilassamento. D'altra parte, i trattamenti per il viso possono essere buoni e influenzare la circolazione sanguigna, anche se non faranno sembrare il collo più giovane o rimuoveranno le rughe.

Il contorno occhi, una delle parti più sottili del viso

A causa del suo basso contenuto di ghiandole sebacee e la virtuale assenza di film idrolipidico, lLa zona degli occhi è una zona più secca rispetto al resto del viso. Povero di collagene ed elastina, è anche meno elastico. Ma la pelle intorno agli occhi è molto vascolarizzata. Durante il processo di invecchiamento, diventa più sottile e i vasi sanguigni sono più visibili. Fattori esterni ed interni, come fumo, stanchezza o stress, possono peggiorare questo fenomeno. Lo stress altera il tono dei capillari sanguigni, le tossine si accumulano e il sangue ristagna, provocando la comparsa delle occhiaie. Con l'età, anche la circolazione sanguigna intorno alla zona degli occhi è meno fluida. Per questo è importante idratarsi bene e soprattutto riattivare la circolazione scegliendo creme idratanti e un correttore contorno occhi.
Scegli una crema dalla texture leggera per il giorno e un trattamento più ricco e denso per la sera. Optate infine per il contorno occhi drenante perché l'azione antietà o idratante è spesso fornita da una buona crema da giorno.

La fronte, una delle parti della zona T

La fronte appartiene alla famosa "zona T", composta anche dal naso, dalle ali del naso e dal mento. Tutti formano una T quando la disegni... Ma perché differenziare quest'area dalle altre parti del viso? La pelle nella zona T ha una composizione diversa ed è più grassa rispetto al resto del viso. Le ghiandole sebacee sono particolarmente numerose a livello della fronte e sono responsabili della produzione del sebo che costituisce il film idrolipidico. Con il freddo la produzione di sebo è rallentata e il contenuto di acqua della pelle è anormalmente basso. La zona T, che normalmente è più grassa, si secca e si avverte una sensazione di oppressione.
Ricorda di idratare bene e liberare i pori per fornire nutrienti essenziali alla tua pelle evitando la tensione, abbiamo formulato l'esfoliante delicato
Pepita del Palmeto. Ricco di polifenoli e composto da aloe vera e miele, questo trattamento lascia una pelle chiara, un colorito luminoso e fresco.

I bordi del naso, una parte molto esposta al freddo

La pelle del naso non è fondamentalmente diversa dal resto del viso. D'altra parte, è una parte del corpo molto esposta al freddo. Quando fa freddo, la circolazione sanguigna è concentrata sugli organi vitali. I vasi sanguigni si restringono per limitare la dispersione di calore verso l'esterno, facendo diventare fredde e secche tutte le estremità (naso, dita delle mani e dei piedi). Anche le arcate nasali sono soggette ad arrossamenti e irritazioni, soprattutto quando si va avanti. soffiarsi il naso in inverno.
Potrebbe quindi essere utile portare con sé il nostro balsamo nutriente
Nomade segreto da applicare in qualsiasi momento della giornata e quanto basta su piccole zone secche del viso (evitando il contorno occhi). Grazie alla pallina "roll-on" nel flacone, l'applicazione è divertente e pratica! 

Le labbra risentono direttamente degli effetti del freddo

Le labbra hanno la particolarità di essere prive di ghiandole sebacee. Non beneficiano quindi di un film idrolipidico che li protegga dalle aggressioni e dal freddo. Le labbra risentono così direttamente degli effetti del freddo e necessitano di cure ultraprotettive. L'ideale è optare per una protezione a base di cere, burri o oli. La cera liquida di jojoba, ad esempio, non unge ma ha un forte potere idratante e ristrutturante, è uno dei principi attivi di punta del nostro balsamo Secret Nomade.

Per saperne di più sui fattori che attaccano la tua pelle, vedi anche il nostro precedente articolo: " Invecchiamento della pelle, puoi agire! ».
Come sempre, restiamo a vostra disposizione per tutte le vostre domande. A presto sul nostro blog.