Applicazioni di bellezza, l'ancora di salvezza delle beautystas per decifrare le formule cosmetiche

Esci dalle recensioni dei consumatori, YouTuber, Instagramer ora lasciano il posto a Yuka, QuelCosmetic, INCI Beauty, Pharmapocket, CosmeEthics e CleanBeauty che sono diventati gli influencer di oggi. Coloro che decifrano e annotano le composizioni dei prodotti cosmetici, divenuti molto popolari oltre Atlantico, stanno arrivando in forze sui nostri smartphone con un boom del loro utilizzo che ammonta a milioni di download.  

Fanno luce sulla sicurezza dei componenti decodificando gli ingredienti indesiderati che appaiono in lingua INCI abbreviazione di Nomenclatura iointernazionale ioingredienti VSosmetico - non molto accessibile alla gente comune, i segreti commerciali obbligano!  
Queste applicazioni rispondono alla richiesta di trasparenza degli utenti, scottati dagli scandali sanitari. Quindi è dentro un clima di sfiducia di I consumatori hanno trovato in queste applicazioni la soluzione pratica e facile per confrontarsi con produttori a volte senza scrupoli, prima nell'aspetto alimentare e ora nel settore della bellezza.  
Ti aiutiamo a capire le differenze tra queste piattaforme, Come? "O" Cosa? i prodotti sono valutati e quali sono? limiti dil loro analisi a volte impreciso.  
 

Applicazioni che scuotono l'industria della bellezza e dei cosmetici 

La famosa applicazione Yuka, colui che ha scansionato i codici a barre del nostro cibo, attacca i cosmetici  

Già noto e ampiamente utilizzato nel settore alimentare, nel giugno 2018 ha ampliato la sua applicazione al campo cosmetico. Yuka decifra l'elenco dei componenti e assegna un punteggio in base alla presenza di ingredienti irritanti, allergenici o tossici (interferenti endocrini, cancerogeni, ecc.). Le componenti ritenute a rischio Le vengono citate, giustificando così il rating complessivo. Ad ogni prodotto viene assegnato un punteggio su 100 con un codice colore dal verde al rosso per valutarne il rischio.  

Lmolto serio L'associazione UFC-Que Choisir lancia la sua applicazione di bellezza e cura della pelle 

L'applicazione « Quelcosmetico », lanciato a marzo 2018 attraverso UFC-Cosa scegliere, decifra per te anche il contenuto dei tuoi cosmetici. Influisce su una valutazione del potenziale rischio di tossicità degli ingredienti che va dal verde che significa "che nessun rischio è stato identificato fino ad oggi" al rosso per "l'esistenza di un rischio significativo". Nel questa applicazione, viene analizzata la potenziale tossicità degli ingredienti distinguendo ogni tipo di popolazione: neonati, adolescenti (dai 3 ai 16 anni), donne incinte e adulti. Viene indicata anche la presenza di allergeni.  

Una metodologia leggermente diversa per l'applicazione Clean Beauty  

Questa piattaforma al peculiarità analizzare, da una foto della lista degli ingredienti, la composizione della tua cura cosmetica basato su un "dizionario degli ingredienti" e avvisarti in tal modo sulla presenza di interferenti endocrini, irritanti ... sulla base di informazioni scientificamente documentate. Piccolo consiglio, se vuoi avere l'opinione di Clean Beauty prima di acquistare il trattamento se non hai comprato il la cura che ti fa desiderare e prima voglio sentire Clean Beauty, puoi (se lo trovi) fotografare la lista degli ingredienti sul web. Attenzione all'inquadratura, un testo allegato potrebbe falsare le conclusioni raggiunte.  

Altri, meno conosciuti, ne esistono... come cosmetici, la più vecchia delle applicazioni create nel 2016Oltre a una versione gratuita, it offerte una versione a pagamento Oms voi dà accesso ai test di ricerca per esempio.  
INCI bellezza, quanto a lei, è una piattaforma comunitaria con opinioni condivise e precisa che le valutazioni degli ingredienti sono effettuate da chimici. Si distingue anche tenendo conto nella sua notazione di l'impatto sull'ambiente.  

Come si sceglie l'app di bellezza più affidabile?  

In ogni caso, queste piattaforme ti permetteranno di informare le tue scelte di fronte a uno scaffale di prodotti di bellezza. Qualunque sia l'applicazione utilizzata, il risultato è più o meno lo stesso e questi sono i piccoli extra di ciascuno menzionato sopra che essenzialmente va rendere la differenza quindi la scelta è tua.  
Foto dell'elenco degli ingredienti o lettura del codice a barre, alla fine avrai la scelta. Nel primo caso avrai una risposta in base alla lista INCI che hai fotografato. Nel secondo caso si avrà una risposta basata sul codice a barre quindi fintanto che il produttore cambia la sua formula INCI, dovrà ricordarsi di aggiornare immediatamente la sua nuova lista INCI nelle applicazioni di decrittazione in modo che il codice a barre possa essere letto . può riflettere la nuova composizione. La differenza tra i due è potenzialmente un ritardo di aggiornamento in caso di cambio formula. 

Se non riesci a trovare il tuo cosmetico preferito nell'elenco dalla tua app, non esitare a inviarlo. Ogni applicazione ha una procedura specifica e quindi analizzerà il contenuto per te. Consentirai a tutti di accedere ai risultati poiché questo test verrà archiviato sulla piattaforma.  

Delle Valutazioneche differiscono in il decodificareetà des etichette cosmetici

Ingredienti incriminatinelés: una lista che è oggetto di dibattito 

L'idea di applicazioni che decifrano le composizioni cosmetiche per noi è buona. Resta da capire come ogni algoritmo identifichi e segnali gli ingredienti indesiderati. Capaci di riconoscere alcuni componenti, non sono in grado diApprezzare una formula nella sua interezza. Alcuni indicheranno la presenza di siliconi mentre altri indicheranno l'uso di profumi o addirittura oli essenziali.  

Prendiamo il caso degli oli essenziali che è l'esempio perfetto di un'operazione che mancanza di precisione. Lun nozione dei cosmetici contenenti oli essenziali è spesso degradata... perché? Il motivo è semplice: l'applicazione reagisce negativamente in presenza di allergeni qualunque sia la loro origine! Tuttavia, la presenza di allergeni naturali non è necessariamente un segno negativo. Gli oli essenziali, dalle comprovate virtù, contengono allergeni deve essere citato alla fine dell'elenco INCI oltre una certa percentuale per informare il persone potenzialmente allergiche.  È consigliato solo per le persone con allergie! 

Ad oggi, ile Regolamento europeo sui cosmetici, che tra l'altro è il più severo al mondo, è un quadro di sicurezza che già impone una concentrazione massima. È l'arte del formulatore padroneggiare il dosaggio giusto per l'efficacia dei tuoi prodotti rispettando i limiti imposti dalle normative. L'immissione sul mercato di un prodotto cosmetico richiede prima l'esecuzione di test di irritazione oculare e cutanea e la loro convalida da parte di un tossicologo. 
 

Una fonte di informazioni che spinge i produttori a rivedere la propria copia 

Le applicazioni di bellezza, nonostante i loro limiti, siamo un aiuto apprezzato da molti consumatori e a ragione poiché questo ha spinto molti produttori a rivedere le formulazioni dei propri cosmetici rendendoli più "puliti". Pochi hanno fatto il passo per rendere pubblico l'elenco dei loro ingredienti. 

Nel fintanto che produttore non convenzionale, ti diamo un elenco di tutti i nostri ingredienti sul nostro sito Web, devi solo fare clic sul prodotto che ti interessa, alla sua destra potrai visualizzare la sua composizione. Come bonus, lo spegneremoffrons le chiavi per decifrare una formula nel nostro articolo  "Come decifrare la composizione dei cosmetici".  

 

Nel frattempo, ti lasciamo scoprire le valutazioni e le recensioni dei nostri prodotti per la cura della pelle su queste diverse applicazioni o sul nostro sito. Internet. A i tuoi cellulari!