Come capire correttamente gli oli che compongono i tuoi cosmetici?

Gli oli sono un ingrediente importante nei nostri cosmetici, ma non sono tutti uguali e la differenza è significativa! Possono essere di origine minerale o vegetale. Gli oli minerali, derivati dal petrolio, sono utilizzati per la qualità delle texture che forniscono alla cura della pelle. Sono essenzialmente inerti e sono una risorsa per chi cerca prezzi low cost. Sono ovviamente privi di tutto nutriente a differenza di un olio vegetale estratto da frutti o semi oleosi. Ma affinché questo olio vegetale offra alla tua pelle elasticità, compattezza, idratazione e ogni altro beneficio, devi stare attento a scegliere il metodo di estrazione che ti permetta di preservare il più possibile la sua ricchezza biologica! In questo articolo, vi proponiamo di illuminarvi sulla composizione biochimica degli oli vegetali, per permettervi di decodificarli nel Elenco INCI delle vostre cure e per comprendere l'interesse cosmetico di a olio vergine per la tua pelle.

Olio idrogenato

L'olio idrogenato è un olio vegetale estratto ad altissima temperatura mediante una reazione di idrogenazione che ne modifica la struttura biochimica per un prodotto più o meno solido e insensibile a qualsiasi ossidazione. È più economico perché l'operazione di idrogenazione dà una resa elevata, ma l'"olio" ottenuto non ha alcun beneficio per la pelle. Va notato che questo tipo di olio è utilizzato anche in preparazioni industriali alimentari (dolci, pasti pronti, margarina, ecc), ma l'operazione di elaborazione genera un cattivo tipo di acidi grassi - acidi grassi trans - che ha portato alla ANSES porre un limite alla loro assunzione nel nostro cibo. Nella cura cosmetica, puoi facilmente individuarli nel Elenco INCI perché il loro nome include il termine "Idrogenato". Ad esempio, un olio d'oliva idrogenato è indicato come olio d'oliva idrogenato. Questi oli sono accettati dallo standard COSMO quindi per l'etichetta biologica.

Olio esterificato

L'olio esterificato è un olio vegetale, spesso olio di palma o di cocco, le cui molecole sono state scomposte per reazione chimica per essere associateS ad un altro ingrediente, solitamente alcoli grassi naturali o sintetici. Questa operazione di trasformazione dà origine ad un “olio” denaturato che offre maggiore stabilità alle formule. Il suo costo è, infatti, inferiore al costo dell'olio vegetale. Ha un'azione emolliente e dona al trattamento una piacevole texture a volte più penetrante, ma si ha una perdita di principi attivi rispetto all'olio vegetale originale.

Può essere ottenuto secondo i principi della chimica verde ed è accettato dalla norma COSMO. È completamente biodegradabile. Ecco alcuni esempi del nome di olio esterificato che puoi trovare nella Elenco INCI ingredienti della tua cura: trigliceridi caprilici caprilici, isopropil palmitato, cocco caprylate caprate, oleil linoleato ... 

 Olio vegetale vergine o raffinato

Un olio vegetale è costituito, per la maggior parte, da due grandi famiglie biochimiche, ovvero i trigliceridi presenti intorno al 98% e gli insaponificabili presenti intorno al 2%.

I trigliceridi sono lipidi costituiti da vari acidi grassi che forniscono energia al nostro corpo. Gli insaponificabili, indicati come il componente dell'olio che non si trasforma in sapone, sono componenti estremamente preziosi per la pelle. Contiene vitamine, steroli, carotenoidi, polifenoli, squalene, ecc. Questi componenti sono essenziali per il metabolismo cellulare: ricostituiscono il cemento intercellulare, idratano la pelle, riparano le nostre piccole cellule e ritardano la invecchiamento della pelle.

Ma la presenza e il contenuto di questi componenti saranno diversi a seconda di come viene estratto l'olio. Esistono infatti due modalità di estrazione. Estrazione per pressione meccanica che conserva tutta la ricchezza biologica e dà un olio puro qualificato come olio vergine. Estrazione con solvente che mira a rimuovere le sostanze reattive - minerali, vitamine, fibre, ecc. - per consentire una lunga conservazione senza alterazioni e che dà un olio più economico chiamato Petrolio raffinato. Ma queste sostanze reattive sottratte sono una miniera d'oro per la nostra pelle. Così un olio raffinato si impoverisce dei suoi acidi grassi essenziali e dei suoi componenti insaponificabili che sono potenti principi attivi all'origine di una pelle soda, idratata, rimpolpata, densa e vigorosa. Anche se i formulatori evitare oli vergini perché sono difficili da stabilizzare nel tempo, restiamo tra i pochi formulatori e le marche di essere riuscito a formulare la cura a base di oli vergini come sostanza attiva per offrire il meglio alla vostra pelle.. Questa scommessa si riflette in particolare nella scelta imprescindibile di confezioni scure protette dalla luce o addirittura sottovuoto sotto gas inerte per alcuni al fine di preservare intatti i benefici e la qualità degli oli vergini che compongono i nostri trattamenti. 

Gli oli vegetali presenti in un trattamento cosmetico sono indicati nella sua Elenco INCI con il loro nome latino. Troverai ad esempio ilolio di jojoba con questo nome "SIMMONDSIA CHINENSIS SEED OIL" ma purtroppo il nome non distingue la qualità vergine o raffinata dell'olio.

Inoltre, è bene sapere che esistono oli vegetali comedogenici, cioè capaci di provocare comedoni, favorendo così la comparsa di punti neri e brufoli. V'è un indice che classifica il loro potere comedogenica dall'uso 0 a 5. frequente di un olio con un livello indice superiore 3 per la pelle grassa e superiore 4 per la pelle deve essere generalmente evitato. Asciugare. Gli oli vegetali che utilizziamo hanno un basso indice di comedogenicità con un livello pari a 0 perolio di semi di fico d'india, di jojoba e girasole e un livello pari a 2 per ilolio di mandorle dolci, di noccioli di albicocca, di palma da datteri del deserto, macadamia, moringa e D'oliva.

L'olio di cocco o di germe di grano sono oli con indice 5, quindi evitateli o consumateli con parsimonia anche se hanno altre virtù. Non li troverai a L'ODAÏTÈS. Tuttavia, è difficile dare una regola generale per un trattamento contenente tali oli perché deve essere apprezzato nella sua interezza e tenere conto della specificità della pelle, nonché della qualità degli ingredienti e della formula. Spetta anche al formulatore cosmetico bilanciare la sua formula.

Poiché ci sono così tanti oli vegetali là fuori, condivideremo consigli più specifici con te in un prossimo articolo su quale tipo di olio usare per ogni tipo di pelle. Detto questo, più un olio vegetale è ricco di insaponificabili, più la tua pelle ne trarrà beneficio. Infine, tieni presente che l'olio di jojoba, che non è proprio un olio ma una cera, è ideale per tutti i tipi di pelle. Lo troverai nel nostro crema intensa, nel nostro siero ridensificante, nel nostro crema per il corpo e nel nostro balsamo nutriente.

Vuoi beneficiare dei benefici dei nostri oli vergini? Scopri i trattamenti qui sotto!

Découvrez Ange Sensationnel, crème visage anti-rides naturelle Découvrez Elixir Bonheur, sérum redensifiant, anti-rides et naturel
Découvrez Fine Fleur, crème corps clean et naturelle Découvrez Secret Nomade, baume SOS peau sèche, nourrissant et naturel